Sviluppare applicazioni su Android

volantino

Ti piacerebbe creare una tua app Android ma non sei capace? Hai provato ma ti sei bloccato perchè è troppo difficile?

TECH.TEAM Informatica organizza un corso base per sviluppare app su sistemi Android, l’unico requisito è avere una conoscenza base di programmazione ad oggetti mentre le conoscenze che otterrai al termine del corso ti permetteranno di creare da zero una tua applicazione che ad esempio utilizzi la fotocamera o alcuni sensori, in realtà la tua fantasia sarà il vero limite.

Gli argomenti del corso sono i seguenti:

– Eclipse e ADT Plugin
– Android Studio
– View
– MapView
– Layout
– Menu
– Actionbar
– Dialogs
– Activity
– Events
– Service
– Notification
– Manifest & Permission
– Animation
– Preferences
– Intent e Intent Filters
– Camera
– Sensors

Il corso ha una durata di 20 ore e si svolgerà nella sede di TECH.TEAM di Rovigo. Per altri dettagli come il calendario, orari, costi consulta la relativa pagina di dettagli sul corso di sviluppo App Android

 

Condividi:

Partecipa a Coder DOJO – imparare a programmare divertendosi (presso Fiera Informatica e Radiantismo di Rovigo il 22 e 23 Febbraio 2014)

CoderDojoPD

CoderDojo è un movimento open source, guidato da volontari, che si occupa di creare e organizzare club di programmazione gratuiti e senza scopo di lucro per giovani. Ogni Dojo è condotto secondo il proprio stile, ma tutti condividono la stessa etica.

Nei Dojo, giovani ragazzi tra i 5 e i 17 anni imparano a programmare, sviluppare siti web, apps, giochi e molto altro. I Dojo sono creati, mantenuti e condotti da volontari. Oltre ad imparare a programmare, i membri del Dojo incontrano altre persone con la stessa passione, mostrano su cosa stanno lavorando e così via. CoderDojo rende lo sviluppo e imparare a programmare un’esperienza che spacca, divertente e socializzante.
CoderDojo pone anche un forte accento sul software free e open source e ha una solida rete globale di membri e volontari. CoderDojo ha solo una regola: ”Soprattutto sii in gamba!” (“Above All: Be Cool”), il bullismo, mentire, far perdere tempo e cose così, non è da persone in gamba.

CoderDojoPD
primo incontro al CoderDojo di Padova

A Padova, l’esperienza è cominciata da poche settimane, con appuntamenti riservati a bambini dai 7 ai 12 anni. Gli incontri hanno una durata di circa 3 ore, durante le quali viene usato Scratch per imparare a programmare un semplice gioco. Potete seguire le attività del dojo sul sito: http://coderdojopadova.wordpress.com/ oppure su twitter: https://twitter.com/coderdojopd
Per informazioni o se volete dare una mano come mentor, potete scrivere all’indirizzo mail: coderdojopd@gmail.com In occasione della fiera dell’elettronica ci troverete dalle 15.00 alle 18.00
nella saletta sopra il bar del CESER – INGRESSO GRATUITO – Considerato il numero di posti ridotto, invitiamo chi volesse partecipare a registrarsi a questo link http://www.eventbrite.it/e/biglietti-coderdojo-padova-bis-10649369551

è un’iniziativa offerta dalla tua Fiera dell’Informatica Elettronica e Radiantismo che si terrà il 22 e 23 Febbraio 2014!!!

tutte le informazioni sulla FIERA e il biglietto RIDUZIONE le trovi qui

 

Condividi:

Sviluppare senza programmare

Nel mondo moderno è sempre più diffusa la percezione che la tecnologia sia di esclusivo appannaggio di chi sappia sviluppare. Questo perchè la differenza fondamentale tra utenti e programmatori è cosi netta da lasciare poco spazio all’intersezione. Tuttavia spesso si creano delle nuove esigenze di mercato che possono rompere le barriere e portare ad innovazioni non previste.

Tra queste ci piace citare GameSalad, che è un tool di sviluppo giochi online (e non solo) per piattaforme mobile, che si occupa di portare ad un livello semplificato la messa in opera delle proprie idee. Perchè è proprio questo il punto, nel campo dei videogames ancora prima delle qualità da programmatore contano le proprie caratteristiche da creativo.

Democratizzare questo processo, e permettere a chi ha magari una buona idea senza avere le competenze per realizzarla, di provare a venderla ad un pubblico vasto come quello di iOS e Android, è sicuramente una buona cosa. Sono tanti i case history di ragazzi che hanno usato questo tool e hanno venduto migliaia di copie dei propri giochi. In un mercato in cui si è frammentato e parcellizzato l’ecosistema, si sono aperte tante possibilità per i singoli. E’ giusto che si venga incontro anche alle idee, oltre che alle competenze.

Gamesalad è una piattaforma molto potente, e restituisce un controllo punta e clicca di tutto il processo di creazione, permettendo di valorizzare il gameplay e la fisica simulando direttamente le meccaniche sullo schermo. Va provato, perchè è un tool potenzialmente capace di democratizzare un settore altrimenti inaccessibile.

Condividi: